Chi siamo

thumb_IMG_2794_1024

Da CoLABorando puoi trasformare la tua idea in un oggetto vero e proprio, trovare gli strumenti adatti, esporre le tue creazioni, incontrare altri saperi e condividere il proprio; l’obiettivo è di offrire una bottega artigiana 2.0 per l’innovazione sociale e la sperimentazione di nuovi modelli produttivi.

CoLABorando è una società, nata dall’idea di cinque donne: due architetti, una stilista-modellista, una educatrice e una imprenditrice che, con un passato lavorativo molto diverso alle spalle, hanno sviluppato competenze in ambiti differenti ma complementari. Dunque, CoLABorando è in primo luogo il laboratorio delle socie fondatrici aperto a tutti i professionisti e non, che vogliano condividere i propri progetti.

Questa società, nata nel 2016, a seguito della vincita del Bando della Regione Lazio “Innovazione Sostantivo Femminile”, conferma una realtà di collaborazione già in essere da anni.

I due architetti, Giorgia Di Giorgio e Francesca Martellacci, hanno svolto attività parallele e complementari nel campo del design, della grafica, dell’arredamento e della ristrutturazione d’interni, della progettazione del verde e dell’architettura ecosostenibile. La formazione derivante dalla facoltà di architettura abitua le menti a spaziare in vari campi di interesse, trovando sinergie talvolta inaspettate tra gli stessi, e attraverso le innumerevoli esercitazioni stimola le attività artistico-manuali.

In questo substrato di collaborazione tutta al femminile, si è innestata dapprima un’esperta di cooperazione internazionale, Stefania Abbate, alla quale la conoscenza di altri paesi, altre tradizioni e culture ha dato la spinta e la voglia di cimentarsi in un’attività artigianale tipica del nostro paese: la sartoria; in una seconda fase, l’entusiasmo e l’abilità manuale di Maura Ribet, educatrice e tecnica di ludoteca e per concludere l’energia e la determinazione di Manuela Cursale, imprenditrice affermata da più di dieci anni .

L’ultima esperienza maturata da CoLABorando, nel 2015, è stata quella presso il Bic della Regione Lazio: dopo aver superato il primo passo, il Tea Storming, con l’aiuto dei tutor del Bic Lazio, il team ha definito il percorso di formazione e di accompagnamento più adatto per lo sviluppo del proprio progetto di business (idea Validation). Dopodiché il team ha affrontato il percorso Open Lab, con il quale ha condiviso con gli altri partecipanti le proprie idee/esperienze e ha definito il proprio business model. Il programma ha previsto: spazi di lavoro collaborativo con una comunità di team/startup; incontri di formazione per definire il business model; testimonianze; eventi di networking; pitching; tutor a supporto. L’obiettivo del programma era di sostenere lo sviluppo di progetti imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico.

L’innovazione tecnologica entra in modo trasversale nell’attività delle socie di CoLABorando. Alla formazione continua nei propri campi d’interesse si aggiunge l’uso di strumenti di lavoro caratterizzati da un’alta valenza tecnologica: software di modellazione 3D, grafica e fotoritocco, scansione 3D, stampa 3D, macchine per il taglio laser e fresa digitale.

Le principali attività dei due architetti, in cui trovano applicazione le sopracitate nuove tecnologie, sono progetti di ristrutturazione di abitazioni, di locali, con l’approfondimento dello studio dell’arredo. Hanno iniziato la loro attività affiancando con la sola progettazione gli artigiani tradizionali (falegnami, restauratori, tappezzieri), successivamente hanno iniziato ad operare nel mondo della creatività realizzando personalmente oggetti di design e rivisitando vecchi mobili.

Parallelamente hanno approfondito lo studio e l’applicazione di materiali innovativi nei loro progetti (resine epossidiche, gomme siliconiche e microcementi) e con l’uso delle nuove tecnologie hanno realizzato progetti di allestimenti per eventi (feste, anteprime cinematografiche, serate a tema), affrontando tutte le fasi della comunicazione e del packaging.

La stilista/modellista del team è cresciuta nel Laboratorio Sartoriale Teatrale LabCostume di Roma Prati, dove ha approfondito le tematiche base della sartoria. Appassionatasi al Cucito Creativo, ha trovato ispirazione nella moda creativa nord-europea, nelle linee della sartoria giapponese, nella ricercatezza di tessuti americani in fibre organiche. è diventata esperta in pittura e stampa su tessuto a mano e con strumentazione digitale.